Lo Scrigno Del Benessere

Omega 3: Ecco Tutti i Suoi Segreti

omega 3

Vuoi scoprire tutti i segreti e le sfaccettature degli omega 3? Allora sei nel posto giusto!

Di seguito trovi una tabella nella quale sono stati inseriti i migliori prodotti con Omega 3 del 2022, le loro principali caratteristiche e il link al sito ufficiale.

migliori prodotti con omega 3

omega 3 krill oil salugea

salugea omega 3
5/5

Enervit omega 3 rx

enervit omega 3 rx
3.8/5

moller omega 3

moller omega 3
3.6/5

my omega 3 multicentrum

3.2/5

Classifica dei migliori prodotti con Omega 3

Di seguito invece trovi una lista completa di tutti i migliori prodotti con Omega 3 presenti sul mercato:

Omega 3

Gli omega 3 sono composti organici appartenenti alla categoria dei lipidi e caratterizzati dall’insolubilità in ambiente acquoso (idrofobi) e dalla solubilità in quello lipidico (lipofili).

A livello biomolecolare sono costituiti fondamentalmente da tre elementi, che sono carbonio, idrogeno e ossigeno, oltre ad altre molecole variabili.

Derivanti per idrolisi dai grassi complessi, si differenziano dai lipidi semplici che non contengono acidi grassi, ma piuttosto sono i componenti di prostaglandine, steroidi e composti terpenici.

Dal punto di vista funzionale, l’organismo umano necessita dei lipidi complessi proprio in quanto al loro interno sono presenti gli acidi grassi essenziali, tra cui gli omega 3.

Formati da una catena carboniosa di lunghezza variabile (da 4 a 28 atomi di carbonio), essi presentano un unico gruppo carbossilico posto all’estremità e si caratterizzano per uno o più doppi legami, che li rendono insaturi.

Per mantenersi in buona salute è ormai noto che bisogna limitare al massimo l’assunzione di grassi saturi di origina animale (contenenti soltanto legami singoli) e privilegiare quella di grassi insaturi vegetali.

Infatti nella genesi della maggior parte dei disturbi cardio-vascolari di natura ateromatosa i principali fattori eziologici sono appunto i grassi animali che, con la loro particolare conformazione, tendono ad aggregarsi con estrema facilità per generare le placche ateromatose.

Esistono due grandi gruppi di lipidi, che sono:

  • strutturali, come fosfolipidi, glicolipidi e colesterolo;
  • energetici, come i trigliceridi, formati da una molecola di glicerolo e da tre molecole di acidi grassi.

I trigliceridi, che sono elementi indispensabili alla vita, vengono introdotti con l’alimentazione e, dopo essere stati digeriti e assorbiti, subiscono un processo di scissione catalitica ad opera delle lipasi, che consentono la formazione di glicerolo e acidi grassi.

Uno dei più importanti parametri per la salute di cuore e vasi è rappresentato dalla concentrazione di trigliceridi nel sangue, che non dovrebbe superare la soglia di 200 milligrammi per millilitro.

I grassi saturi, che l’organismo metabolizza con maggiore difficoltà, tendono ad accumularsi nel sangue causando un progressivo aumento del colesterolo.

Simili composti si trovano soprattutto nei seguenti cibi:

  • burro, lardo, strutto e margarina;
  • olio di cocco e olio di palma;
  • salumi e insaccati ricchi di grasso, come salsiccia e pancetta;
  • formaggi ad elevata componente grassa, come gorgonzola, mascarpone, emmenthal;
  • fritti di carne e di pesce;
  • dolci particolarmente ricchi ed elaborati.

I grassi insaturi, che appartengono prevalentemente al regno vegetale, si dividono in due gruppi:

  • monoinsaturi, che contengono un solo doppio legame;
  • polinsaturi, che hanno più doppi legami.

La loro presenza è notevole nei seguenti cibi:

  • olio extravergine di oliva;
  • olive;
  • oli vegetali;
  • pesci ricchi di omega 3, come sgombro, salmone, tonno e acciughe;
  • mais, soia e semi di girasole;
  • burro d’arachidi;
  • frutta secca.

omega 3 a cosa serve

Tra i vari acidi grassi insaturi di interesse non soltanto nutrizionale, ma anche salutistico, gli omega 3 rivestono uno dei ruoli più importanti perché collegati al benessere di cuore e vasi.

Si tratta di acidi grassi essenziali in quanto non possono venire sintetizzati dall’organismo, ma devono essere introdotti soltanto con i cibi.

Dopo essere stati assimilati, essi subiscono una trasformazione in acidi grassi semi-essenziali, chiamati a svolgere specifiche funzioni metaboliche.

Dall’acido linolenico, che è il principale elemento degli omega 3 si ottengono poi anche altri composti ugualmente vantaggiosi per il benessere organico.

La via metabolica responsabile della sintesi di omega avviene in due tappe, che sono:

  • allungamento della catena carboniosa, mediante l’intervento enzimatico di elongasi;
  • aumento del numero dei doppi legami, tramite enzimi appartenenti al gruppo delle desaturasi.

In seguito a simili procedure è possibile che l’organismo produca acido linolenico, da cui derivano l’acido eicosapentaneoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA).

La denominazione omega 3, che è caratterizzante non solo della morfologia, ma anche delle funzioni dei composti, fa riferimento alla posizione del primo doppio legame rispetto alla porzione terminale della molecola (definita omega come l’ultima lettera dell’alfabeto greco).

Pertanto in simili molecole, il primo doppio legame è collocato tra il terzo e il quarto atomo di carbonio.

La capacità dell’organismo di produrre acidi grassi semi-essenziali è piuttosto limitata e proprio per questo motivo è opportuno assumere tali composti mediante integratori alimentari.

Tra l’altro la concentrazione degli omega 3 tende a diminuire progressivamente con l’età, per cui nei soggetti anziani possono insorgere stati carenziali anche piuttosto marcati.

Altri fattori che possono limitare la presenza di omega 3 sono:

  • prolungate terapie farmacologiche con cortisonici;
  • alcolismo;
  • scorretta alimentazione;
  • stile di vita inadeguato;
  • tendenza al sovrappeso.

Inoltre gli omega 3 mostrano un comportamento competitivo con gli omega 6 nei confronti degli specifici recettori su cui devono legarsi per svolgere le loro funzioni biomolecolari.

Pertanto bisogna sempre rispettare il fisiologico rapporto tra omega 6 e omega 3, che corrisponde a valori compresi tra 4/1 e 8/1.

omega 3 per quanto tempo assumerli

Omega 3: a cosa serve?

Spesso definiti grassi “buoni”, gli omega 3 sono molecole essenziali non soltanto per preservare la salute del cuore e dei vasi sanguigni, ma anche del sistema nervoso e di numerosi organi e apparati.

Questi acidi grassi polinsaturi a lunga catena, che si trovano soprattutto nel pesce azzurro, hanno diverse strutture chimiche, anche se quelli maggiormente utilizzati sono:

  • acido linolenici;
  • acido eicosapentaneoico;
  • acido docosaenoico.

Le loro funzioni principali sono le seguenti:

  • intervenire nella sintesi dei fosfo-lipidi di membrana;
  • rendere più fluidi i componenti delle membrane cellulari;
  • potenziare la sintesi di eicosanoidi;
  • stimolare funzioni antinfiammatorie e anti-coagulanti;
  • incentivare la sintesi di ATP mitocondriale;
  • mantenere sotto controllo la colesterolemia;
  • migliorare la forza contrattile del cuore;
  • contrastare l’indurimento delle pareti vasali;
  • ridurre l’insorgenza di picchi ipertensivi;
  • limitare il rischio di patologie coronariche;
  • migliorare l’ossigenazione dei neuroni cerebrali;
  • potenziare le funzioni visive;
  • contrastare le funzioni cognitive degli anziani.

tenendo conto che nella maggior parte dei casi l’introduzione di omega 3 con la dieta non è sufficiente a supportare il fabbisogno giornaliero, può essere opportuno supplementare tale carenza mediante l’assunzione di integratori.

Solitamente disponibili in capsule oppure in perle, simili rimedi contengono più di un tipo di composto, per fornire all’organismo un supporto ad ampio raggio, molto più efficace di quello derivante da un’unica molecola.

I preparati che trovano maggiore impiego sono di norma arricchiti con vitamina E, carotenoidi, tocoferoli e composti antiossidanti.

I motivi per cui è consigliabile integrare la concentrazione degli omega 3 sono relativi ad alcuni aspetti metabolici, e precisamente:

  • evitare l’insorgenza di stati carenziali;
  • garantire un alto tenore di vita;
  • prevenire numerosi disturbi cardiaci e vascolari;
  • supportare il benessere di anziani e pazienti debilitati;
  • migliorare lo stato di salute di gestanti e nutrici;
  • contrastare forme infiammatorie croniche;
  • combattere lo stress ossidativo;
  • evitare fenomeni di malassorbimento;
  • accelerare il metabolismo;
  • controllare il peso corporeo.

Le proprietà principali degli omega 3 dipendono dalla loro struttura biomolecolare in grado di aumentare la sintesi endogena di eicosanoidi, elementi dotati di una potente azione antinfiammatoria.

Essi inoltre si oppongono alla produzione di prostaglandine e citochine, considerate le molecole più attive nei processi di flogosi metabolica.

migliori prodotti con omega 3

omega 3 krill oil salugea

salugea omega 3
5/5

Enervit omega 3 rx

enervit omega 3 rx
3.8/5

moller omega 3

moller omega 3
3.6/5

my omega 3 multicentrum

3.2/5

Omega 3 negli alimenti

L’apporto nutrizionale di omega 3 è un fattore di estrema rilevanza per assicurare il benessere psico-fisico dell’organismo.

I tre principali omega 3, che sono l’acido linolenico, l’EPA e il DHA non hanno le stesse fonti alimentari, in quanto mentre il primo è contenuto quasi esclusivamente in cibi di origine vegetale, gli altri due si trovano in alimenti di tipo animale.

Pertanto è necessario discernere con attenzione sia per quanto riguarda la tipologia dei cibi che il loro contenuto di acidi grassi essenziali, tenendo sempre presente che il regime nutritivo deve essere variato, sano e bilanciato.

I cibi più ricchi di acido linolenico sono:

  • semi oleosi;
  • semi di chia;
  • semi di kiwi;
  • semi di lino;
  • semi di olivello spinoso;
  • semi di mirtillo rosso;
  • semi di canapa;
  • semi di soia;
  • semi di zucca;
  • semi di girasole;
  • frutta secca;
  • noci;
  • mandorle;
  • pinoli;
  • anacardi;
  • nocciole;
  • germe di grano;
  • olio di chia;
  • olio di perilla;
  • ortaggi a foglia verde;
  • frutta.

I cibi che contengono le più elevate concentrazioni di EPA e DHA, che si trovano solitamente associati, sono:

  • pesce azzurro di ogni genere;
  • lanzardo;
  • palamita;
  • tonno;
  • sgombro;
  • aringa;
  • merluzzo;
  • alice;
  • salmone;
  • pesci pescati in mari freddi;
  • krill;
  • alghe marine;
  • alga wakame;
  • lattuga di mare;
  • kombu;
  • uova di cefalo;
  • uova di salmone;
  • uova di storione;
  • bottarga;
  • olio di fegato di merluzzo.

Tra i componenti maggiormente utilizzati nella formulazione degli integratori compaiono alcuni di questi alimenti, arricchiti da adeguate percentuali di olio di krill e di alga spirulina.

omega 3 quando assumerli

Dai cibi naturali, la cui concentrazione di omega 3 è piuttosto bassa, vengono estratte le molecole attive che si utilizzano per la produzione degli integratori, di solito realizzati in forma oleosa.

Infatti tutti gli oli naturali che derivano da pesci, crostacei, alghe e vegetali sono considerati i componenti più efficaci e meglio tollerati per garantire la giusta integrazione di acidi grassi polinsaturi.

L’acido linolenico, che è l’unico omega 3 estratto dai vegetali, è anche l’unico composto essenziale e che pertanto deve essere presente in quantità adeguate nell’organismo.

Esso svolge due compiti perché da un lato funziona in maniera autonoma e d’altro lato è precursore di EPA e DHA, acidi grassi non essenziali, ma più attivi dal punto di vista metabolico.

Per mantenere inalterato il rapporto tra omega 6 e omega 3 è consigliabile prediligere fonti nutrizionali selezionate e quantitativamente adeguate, con particolare riguardo al pesce e ai prodotti ittici in generale.

Gli alimenti ricchi di omega 3 vanno assunti con elasticità, cercando di mantenere una certa variabilità e un preciso bilanciamento tra nutrienti animali e vegetali, cercando di equilibrare anche l’apporto di proteine, vitamine (soprattutto del gruppo B), minerali e composti antiossidanti.

I prodotti della pesca, che si caratterizzano per elevate concentrazioni di iodio e di vitamina D, devono essere alternati a latte e formaggi, a carne (soprattutto frattaglie) e uova, mantenendo un corretto bilancio dei loro principi attivi.

Anche i legumi svolgono un ruolo essenziale per l’apporto di omega 3 e pertanto dovrebbero fare parte integrante di qualsiasi regime dietetico.

È sempre consigliabile consumare porzioni di alimenti freschi pari a 150 grammi, abbinate ad alimenti secchi di 50 grammi.

Bisogna poi rapportare le porzioni di alimenti fortemente proteici con quelle di carboidrati e grassi insaturi.

Gli integratori alimentari devono essere assunti ciclicamente sempre avendo cura di seguire regimi alimentari bilanciati.

a cosa servono gli omega 3

Omega 3: quando assumerli

Gli integratori alimentari a base di omega 3 devono essere assunti per i seguenti scopi:

  • migliorare la condizione dei vasi sanguigni per evitare la formazione di placche ateromatose dovute all’accumulo di colesterolo e acidi grassi saturi sulle pareti arteriose;
  • migliorare la funzionalità cardiaca, sia per quanto riguarda la forza contrattile che il ritmo;
  • proteggere il funzionamento del cervello, migliorando la sua ossigenazione e la fluidità del sangue;
  • prevenire la formazione di emboli e trombi;
  • abbassare la quota LDL di colesterolo aumentando quella HDL;
  • ridurre la trigliceridemia;
  • monitorare la pressione arteriosa;
  • supportare un corretto accrescimento del tessuto neuronale;
  • migliorare la funzione cognitiva della terza età;
  • rinforzare il sistema immunitario;
  • preservare la funzione visiva;
  • garantire un corretto sviluppo embrionale;
  • contrastare la genesi dei processi infiammatori.

La maggior parte delle funzioni svolte dagli omega 3 deriva da una sinergia operativa tra le attività antifologistiche, il miglioramento dell’ossigenazione cellulare e della disponibilità energetica.

Oltre che la reale concentrazione di omega 3 nel sangue, è importante valutare il rapporto tra omega 6 e omega 3, che deve essere a favore dei primi, dato che sono nutrienti molto più abbondanti degli altri.

Si può parlare di un deficit di omega 3 soltanto nei seguenti casi:

  • carenza quantitativa dell’apporto complessivo;
  • carenza proporzionale di EPA e DHA;
  • carenza assoluta sia di omega 3 che di omega 6.

Scarsamente presenti nella maggior parte dei cibi più consumati nella dieta occidentale, gli omega 3 devono essere quasi sempre integrati con appositi prodotti.

Omega 3: controindicazioni

Un buon integratore a base di omega 3 deve contenere concentrazioni bilanciate di acido linolenico, EPA e DHA, derivante da una formulazione basata su titolazioni farmacologiche.

In questi casi, simili prodotti non provocano controindicazioni, che dipendono quasi sempre da un sovradosaggio.

È necessario non superare la posologia compresa tra 500 e 1500 milligrammi al giorno, valutando non soltanto gli aspetti quantitativi ma anche qualitativi delle singole capsule.

A tutt’oggi non esistono controindicazioni significative che riguardano l’assunzione di omega 3, a patto di rispettare la posologia indicata sulle confezioni facendo attenzione soltanto al contemporaneo trattamento con farmaci anticoagulanti, che potrebbero venire potenziati.

Altre potenziali interazioni dannose si verificano con antinfiammatori non steroidei, ipoglicemizzanti orali, integratori a base di ginkgo biloba e aglio.

In rari casi, l’integrazione contemporanea di omega 3 e omega 6 potrebbe essere sconsigliata.

Non bisogna dimenticare infine che l’impiego degli omega 3 può fluidificare eccessivamente il sangue interferendo con i processi di coagulazione.

Lascia un commento

Lo Scrigno Del Benessere
Lo Scrigno Del Benessere

Il blog ideale per la tua salute e il benessere di tutti i giorni

5/5 - (1 vote)