Lo Scrigno Del Benessere

Integratori per Stanchezza: Guida ai migliori del 2022. Funzionano?

integrartori per stanchezza

Stai cercando i migliori integratori per la stanchezza? Allora sei nel posto giusto!

La causa principale della stanchezza è lo stile di vita frenetico, toglie la voglia di fare e le forze. In questo caso l’ideale sarebbe interrompere tutto e concedersi il meritato riposo. 

Alcune volte però, il riposo non basta, e per riprendersi ci vuole un piccolo aiuto come gli integratori per stanchezza.

In questo articolo vedremo le cause più frequenti e alcuni rimedi per risolvere questo problema, ma prima vediamo qualche prodotto che può aiutare contro la stanchezza.

Prima di iniziare, di seguito trovi una tabella nella quale sono stati inseriti i migliori integratori per la stanchezza del 2022, le loro principali caratteristiche e il link al sito ufficiale.

migliori integratori per stanchezza

energea+

energea
5/5

SUSTENIUM PLUS​

sustenium plus
4/5

SUPRADYN​

supradyn magnesio e potassio
3.7/5

mind the gum

mind the gum
3.6/5

Classifica Migliori integratori per la stanchezza fisica e mentale 

Di seguito, invece, trovi una lista dei migliori integratori per la stanchezza fisica e mentale presenti sul mercato:

Compila il modulo per ricevere una guida TOTALMENTE GRATUITA all’acquisto a Prezzi Super Scontati di integratori per combattere la stanchezza!

ebook stanchezza

Cliccando su “Invia” confermi di aver preso visione dell’informativa sulla privacy

La famiglia, la casa, il lavoro, i figli, lo sport, l’elenco potrebbe continuare quasi all’infinito. E conciliare tutto sembra davvero un’impresa impossibile. E ammesso di riuscirci, a fine giornata la stanchezza regala mal di schiena e agli arti, gambe pesanti e molto spesso sonnolenza e mal di testa.

Soprattutto quando c’è bisogno d’intensificare i ritmi lavorativi, per delle scadenze, o quando si è vicini a un esame è possibile sentire un profondo senso di stanchezza. È capitato a tutti. Il corpo messo a dura prova pretende riposo.

La stanchezza è quindi un evento fisiologico, l’organismo reagisce allo stress e spesso si ripercuote sulla psiche. In questi casi l’ideale sarebbe staccare la spina, concedersi qualche ora di relax che possono aiutare a conciliare il riposo notturno in modo da liberarsi della stanchezza e ritrovare le energie necessarie per affrontare la giornata.

Tuttavia se nonostante tutto la stanchezza non ti abbandona è meglio chiedere aiuto al proprio medico e chiedergli, dopo alcuni esami, di prescrivere un integratore per stanchezza.

La stanchezza può essere il sintomo di alcuni stati patologici, dall’influenza a patologie molto più serie e complesse. Malessere generale, senso di spossatezza e stanchezza persistente possono essere sintomi di patologie serie. 

Anche se si manifesta molto raramente esiste una condizione patologica chiamata “Sindrome da Stanchezza Cronica”. Quelli che ne soffrono non trovano sollievo con il riposo e spesso manifestano anche sintomi influenzali. Ma come detto fortunatamente è piuttosto rara.

Cerchiamo invece di capire a cosa è dovuta la stanchezza non patologica.

Le cause della stanchezza sono spesso fisiologiche

Le forme occasionali di stanchezza non patologica può manifestarsi a intervalli più o meno regolari e legate a svariati fattori. Vediamo insieme i più comuni:

  • Cambio di stagioni: molto spesso in primavera e in autunno ci si sente stanchi, intorpiditi, umorali e irritabili, si dorme poco e male e al mattino si è più stanchi di quando si è andati a dormire. Si tratta di un fenomeno normale e piuttosto diffuso dovuto al cambio di stagione, alla variazione di temperatura e alle ore di luce che indeboliscono l’organismo. Anche la stanchezza estiva è dovuta al clima. L’umidità e l’afa spesso rendono difficile il riposo notturno e quindi affrontare la giornata diventa difficile come portare le borse della spesa o passeggiare.
  • Mestruazioni: la stanchezza nel periodo premestruale può essere associata a gonfiore, dolori a schiena e addome e una leggera depressione. Spesso si parla di sindrome premestruale. Le cause sono legate al calo del Progesterone, un ormone che aumenta dopo l’ovulazione e cala alcuni giorni prima del ciclo. Gli effetti tendono a sparire all’arrivo delle mestruazioni.
  • Menopausa: in questo caso la stanchezza è sicuramente di tipo ormonale. I livelli di Estrogeni e di Progesterone si abbassano dando origine a sonnolenza e spossatezza. Il cambiamento quindi è sia fisiologico che psicologico. Il medico potrebbe prescrivere una cura ormonale, ma spesso una sana alimentazione o un integratore sono più che sufficienti.
  • Gravidanza: il fisico viene messo a dura prova. Un vero e proprio bombardamento di emozioni e ormoni travolge la donna che spesso soffre di stanchezza. Nei primi tre mesi i livelli di Progesterone sono bassi, mentre la Gonadotropina Corionica, Beta HCG, si alza e questo provoca stanchezza. Inoltre il fisico deve iniziare a lavorare per due e si verificano cali di zuccheri e di ferro. Per sopperire si possono assumere degli integratori e bere tisane e succo di frutta. In più la donna deve abituarsi al fatto che diventerà presto madre e questo provoca un po’ di stress.
  • Sovrallenamento: separare la stanchezza fisica con quella mentale è difficile dato che le due sono correlate, ma ci sono dei momenti in cui è soprattutto il corpo a chiedere riposo. I sintomi di questa richiesta sono: crampi, dolori muscolari diffusi, tremori e brividi. Molto spesso queste cause sono dovute al troppo allenamento e all’alimentazione sbilanciata. In questi casi basta sospendere per un po’ l’attività fisica per riprenderla gradualmente appena tornati in forma. Anche in questo caso un buon integratore può aiutare il recupero in tempi brevi.
  • Debolezza post influenza: dopo l’influenza a tutti capita i sentirsi stanchi e spossati e di non riuscire a riprendere le varie attività quotidiane. Questa sensazione aumenta se è stata fatta una terapia farmacologica che, se da una parte aiuta contro l’influenza, dall’altra debilita l’organismo. In questi casi è davvero importante integrare i vari nutrienti che il corpo ha bisogno per tornare in forma.

Una volta analizzata la causa della stanchezza bisogna considerare qual è il rimedio più adatto.

Integratori per la stanchezza: cosa sono

Per affrontare al meglio questi periodi di spossatezza è utile assumere degli integratori per stanchezza. Questa tipologia di prodotti consentono al corpo di avere a disposizione tutti i nutrienti e le calorie necessarie per restare attivo. 

Solitamente gli integratori energetici vengono assunti da chi pratica sport, ma sono molto utili nei casi di stanchezza, sia fisica che mentale.

Le situazioni in cui ci si può ritrovare a corto di energie sono molti. Pensiamo ad esempio:

  • Affaticamento mentale negli studenti: lo studio e gli esami a volte creano stress che può mettere a dura prova la mente di uno studente. Gli integratori per stanchezza possono essere un valido aiuto per supportare sia il fisico che il la mente.
  • Periodi post-malattia: anche un semplice raffreddore comporta stress per il corpo e richiede molta energia per riuscire a guarire. Quindi durante la convalescenza è bene assumere integratori che aiutino a recuperare energia e che supportino il sistema immunitario a funzionare correttamente.
  • Vegetariani e vegani: queste tipologie di alimentazione possono causare carenze di tipo alimentare, In questi casi diventa molto importante integrare tutti i nutrienti essenziali al corpo e alla mente per funzionare nel migliore dei modi.

Vediamo insieme quali sostanze contengono gli integratori per combattere la stanchezza mentale e fisica.

A cosa servono gli integratori per la stanchezza: effetti e benefici

Gli integratori per stanchezza servono a recuperare le energie per affrontare i mille impegni quotidiani. La loro azione varia in base al principio attivo che contiene. Vediamo quali sono gli ingredienti attivi più comuni degli integratori per stanchezza:

  • Caffeina: agisce stimolando il Sistema Nervoso Centrale, risveglia il metabolismo, stimola l’azione della muscolatura scheletrica, incrementa la respirazione, favorisce la diuresi e stimola l’attività cardiaca.
  • Guaranà: contiene caffeina e viene principalmente utilizzata per alleviare le tensioni di tipo psicologico.
  • Ginseng: ha la capacità di migliorare l’umore e le energie a disposizione. Stimolante nei casi di affaticamento psicologico, in ambito sportivo il Guaranà viene impiegato con successo per migliorare la capacità di resistere agli sforzi fisici, incolte è ideale per gli studenti al fine d’incrementare l’attività intellettuale.
  • Vitamina B12: ha un ruolo cardine per la produzione di energia da parte dell’organismo. La Pappa Reale ad esempio è un ottimo ricostituente naturale ideale a tutte le età. Ideale per contrastare lo stress mentale, la capacità di concentrarsi e la stanchezza fisica. Particolarmente indicato per bambini e anziani perché stimola l’appetito.

Quando prendere gli integratori per la stanchezza: dosaggio e approccio corretto

Come abbiamo già detto gli integratori per stanchezza vanno presi in tutti quei casi in cui ci si sente spossati e senza forze e si fatica ad affrontare gli impegni della giornata. Naturalmente è sempre consigliato seguire un’alimentazione sana ed equilibrata che introduca tutti i nutrienti necessari all’organismo per funzionare bene.

Sul mercato esistono davvero svariati integratori per stanchezza che elencare tutti i dosaggi corretti sarebbe davvero impossibile. 

Ci sono integratori che vanno presi una volta al giorno oppure due o tre, dipende tutto dalla dose di principio attivo contenuta all’interno di ogni capsula o bustina. 

Quindi, la cosa migliore da fare è quella di leggere molto attentamente il bugiardino o la confezione e attenersi scrupolosamente alle dosi consigliate senza mai superarle.

Anche l’approccio agli integratori per stanchezza è molto importante. Prima di assumere uno di questi prodotti è importantissimo conoscere la composizione, specialmente gli ingredienti attivi. In questo modo è possibile evitare possibili effetti indesiderati, allergie e altri tipi di problemi.

In caso di dubbi il consiglio quando si parla di integratori è sempre lo stesso; rivolgersi al proprio medico curante per un consulto e chiedergli di indicare il prodotto migliore per ogni esigenza, magari dopo aver effettuato alcuni esami per valutare la situazione.

Gli integratori per la stanchezza fanno male? Possibili effetti collaterali e controindicazioni

Bisogna sempre tenere in considerazione che le energie che servono per affrontare la giornata dovrebbero derivare dal cibo, quindi bisognerebbe sempre seguire una dieta sana ed equilibrata per consentire all’organismo di restare sempre in salute. Gli integratori per stanchezza andrebbero assunti solo in caso di effettivo bisogno.

Gli integratori per stanchezza in genere vengono tollerati abbastanza bene. Anche se si tratta di prodotti naturali però bisogna sempre stare molto attenti a non superare le dosi consigliate. Ingredienti come la caffeina, se presi in dosi troppo alte possono dare effetti collaterali anche gravi.

Per quanto riguarda le controindicazioni sono sempre le stesse. Se si soffre di patologie, si assumono farmaci oppure si è in gravidanza o allattamento non bisognerebbe assumere integratori per stanchezza a meno che non sia il proprio medico a prescriverli. Gli ingredienti attivi presenti possono interagire con i farmaci o peggiorare le patologie con effetti anche gravi.

Integratori per la stanchezza: opinioni e conclusioni

Per ricapitolare quanto detto in questo articolo, la stanchezza può avere molte cause, alcune non patologiche, e quindi facilmente “curabili” con degli integratori per stanchezza che, riportando nell’organismo vitamine, minerali e con il supplemento degli ingredienti attivi riescono in breve tempo a far tornare le energie necessarie per affrontare i mille impegni quotidiani.

Esistono però anche alcune patologie che tra hanno come sintomo in comune la stanchezza fisica e mentale come ad esempio: stress, depressione, ansia, pressione bassa o alta, problemi al cuore, mononucleosi, patologie renali, sindrome da stanchezza cronica eccetera.

Per questo è importante rivolgersi al proprio medico curante e fare degli accertamenti per escludere che la stanchezza sia sintomo di qualcosa di più serio che un integratore per stanchezza da solo non può certo risolvere.

Quindi in caso di spossatezza è possibile prendere un integratore, ma se si vedono pochi risultati è meglio approfondire.

Migliori integratori per la stanchezza a confronto: recensioni e guida alla scelta

Miglior integratore per la stanchezza: Integratore Alimentare di Aminoacidi Ramificati Isatori

iSatori (clicca qui per scoprire il prezzo) è un integratore per ridurre la fatica e la stanchezza a base di BCAA e di Vitamina B6 e B12 che contribuiscono al normale metabolismo energetico. 

integratore potente per stanchezza

Formulato per avere la massima efficacia e assimilazione. Non contiene glutine ed è adatto anche per i vegani e i vegetariani. 

La confezione contiene 400 compresse da 1g di BCAA l’una e si consiglia di assumerne un massimo di 5 compresse in unica soluzione e una volta al giorno con un bicchiere d’acqua prima di una competizione o dell’allenamento o subito dopo.

Naturando Maximum Spirulina

Maximum Spirulina (clicca qui per scoprire il prezzo), è un integratore naturale con un’altissima concentrazione di principi attivi, ha un’azione ricostituente e di sostegno e riduce affaticamento e stanchezza. 

integratori per stanchezza fisica

Formulato con Alga Spirulina e Vitamina B12 Maxmum Spirulina è adatto a vegetariani e vegani e non contiene glutine. Il flacone contiene 100 capsule e la dose quotidiana consigliate è di una o due capsule.

Vitalen-Riflex

Con i suoi 5 principi attivi terapeutici è un integratore in grado di restituire la vitalità. Vitalen-Riflex (clicca qui per scoprire il prezzo), allevia i dolori articolari e guarisce i reumatismi, lombalgia, artrosi e artrite. 

integratori per stanchezza fisica e mentale

Blocca l’usura e l’invecchiamento della cartilagine e le rigenera. Vitalen-Riflex combatte anche la stanchezza, nessun limite nei movimenti e tutta l’energia necessaria per affrontare la giornata o fare sport. 

Vitalen-Riflex è in capsule comode da assumere, la dose consigliata è di due compresse al giorno, una a colazione e l’altra dopo pranzo o dopo cena da prendere con un bicchiere d’acqua.

Compresse Thermopro

Si tratta di una formula pre-workout piuttosto potente che comprende quattro estratti, minerali, e vitamine più provati e testati.

integratori per la stanchezza

Progettato appositamente per migliorare le prestazioni e ridurre l’affaticamento e la stanchezza supportando le prestazioni mentali e la produzione di energia. 

Thermopro contiene Estratto di Tè Verde, Caffeina, Vitamina B12 e N-Acetil L-Carnitina. La confezione contiene 90 compresse comode e facili da assumere.

MGK Attiva

I disturbi causati dalla carenza di sali minerali sono davvero numerosi: debolezza, ipertensione, difficoltà a concentrarsi, crampi, malessere diffuso a livello muscolare e scheletrico eccetera. 

migliore integratore per stanchezza

Per risolvere uno o più di questi problemi bevi almeno due litri di acqua al giorno e mangia tanta frutta e verdura, ma cosa più importante assumi MGK Attiva con magnesio+potassio per risolvere tutti i problemi sopra elencati e anche di più. 

Ogni confezione di MGK Attiva contiene 20 bustine monodose, la dose consigliata è di una o due bustine al giorno sciolte in un bicchiere d’acqua.

Lascia un commento

Lo Scrigno Del Benessere
Lo Scrigno Del Benessere

Il blog ideale per la tua salute e il benessere di tutti i giorni

4/5 - (2 votes)