Lo Scrigno Del Benessere

Integratore Ferro e Vitamina C: Guida ai migliori del 2021

integratore ferro e vitamina c

Stai cercando informazioni sugli integratori con ferro e vitamina C? Allora sei nel posto giusto! 

Di seguito trovi una tabella nella quale sono stati inseriti i migliori integratori con ferro e vitamina C del 2021, le loro principali caratteristiche e il link al sito ufficiale.

migliori integratori ferro e vitamina C

gloryfeel ferro

gloryfeel ferro
5/5

erafer

3.8/5

ferrosid c

3.5/5

ferplus

3.4/5

Classifica migliori integratori con ferro e vitamina C

Di seguito invece trovi una lista completa di tutti i migliori integratori con ferro e vitamina C sul mercato:

Migliori integratori con ferro e vitamina C del 2021 a confronto: recensioni e guida alla scelta

Ferro

Il ferro, che è l’elemento chimico più comune sulla terra, quando è presente in forma ionica (e quindi biologicamente disponibile), svolge un fondamentale ruolo metabolico per l’organismo vivente.

Esso fa parte di numerosi enzimi, di proteine e dei globuli rossi, a livello dei quali partecipa al trasporto dell’ossigeno nei vari distretti corporei.

È contenuto prevalentemente in alimenti di origine animale, soprattutto la carne rossa e alcuni insaccati, dai quali viene digerito e quindi assimilato nel sangue.

Il suo assorbimento è facilitato dalla presenza di vitamina C, che presiede tutti i meccanismi assimilativi a livello intestinale, aumentandone la biodisponibilità.

Dopo essere stato metabolizzato, il ferro viene in parte eliminato con la bile, e in parte con urina e feci, per evitare un dannoso accumulo che potrebbe provocare sintomi di tossicità.

Di tutto il quantitativo totale di questo elemento, il 75% si trova nel sangue, con un 65% presente nell’emoglobina e soltanto un 10% nella mioglobina.

Le principali funzioni del ferro sono le seguenti:

  • trasporto dell’ossigeno nei vari distretti del corpo;
  • sintesi di mioglobina;
  • sintesi di collagene;
  • partecipazione alla respirazione cellulare;
  • partecipazione alla produzione di acidi nucleici;
  • produzione di numerosi enzimi;
  • sintesi strutturale di alcune proteine.

Secondo i dati forniti dalla LARN (Livelli di Assunzione Raccomandati di Nutrienti), il fabbisogno giornaliero dell’elemento è pari a 10 milligrammi al giorno per l’uomo e a 18 milligrammi al giorno per la donna in età fertile.

Durante gravidanza e allattamento, questo indice è destinato ad aumentare fino a 27 milligrammi giornalieri, dato che il metallo diventa necessario per lo sviluppo del feto e per la nutrizione del neonato.

Oltre che essere presente nei cibi, il ferro deve anche poter essere assorbito e quindi trovarsi sotto forma di composto dotato di elevata biodisponibilità.

Per raggiungere un simile obiettivo è opportuno che sia presente anche la vitamina C, che facilita l’assorbimento dell’elemento, trasformandolo nella sua forma più facilmente assorbibile.

Per ottimizzare le sue funzioni sia a livello quantitativo che qualitativo è spesso opportuno ricorrere all’assunzione di integratori, nei quali il, composto di trova solitamente sotto forma di solfato ferroso.

In generale la biodisponibilità di questo elemento è massimizzata quando è presente in forma chelata con aminoacidi, soprattutto come glicinato di ferro.

La sua carenza, che è una condizione estremamente svantaggiosa per l’organismo, può provocare forme di anemia sideropenica, accompagnata da tachicardia, aritmia, cefalea, astenia e nevralgie di vario genere.

Vitamina C (acido ascorbico)

Appartenente al gruppo delle vitamine idrosolubili, l’acido ascorbico è un nutriente indispensabile alla vita, che deve essere assunta con il regime dietetico.

È presente soprattutto negli agrumi, nei peperoni, nei cavoli e in numerosi altri prodotti vegetali.
Essendo particolarmente sensibile al calore e alla presenza di ossigeno, la vitamina C si comporta come composto termolabile e facilmente ossidante.

Le sue principali funzioni sono le seguenti:

  • potenziamento delle difese immunitarie;
  • riparazione dei tessuti per stimolazione della moltiplicazione cellulare;
  • attività antiossidante e antiradicalica;
  • potenziamento dell’assorbimento ematico del ferro;
  • cofattore enzimatico in molte reazioni biochimiche;
  • stimolazione della sintesi di collagene;
  • produzione di energia;
  • sintesi di carnitina, serotonina e noradrenalina;
  • sintesi di acidi biliari;
  • sintesi di ormoni steroidei.

Dato che non sempre è possibile garantire un suo corretto apporto dietetico, diventa necessario assumere integratori a base di acido ascorbico che, per migliorare ulteriormente il benessere dell’organismo, spesso sono formulati anche con ferro.

Miglior integratore ferro e vitamina C: Gloryfeel Ferro

Questo integratore targato Gloryfeel (clicca qui per scoprire il prezzo), è formato da un’associazione tra vitamina C, estratti da acerola e ferro disglicinato.

Il suo impiego si rivela un prezioso supporto per prevenire stanchezza fisica e mentale soprattutto in situazioni carenziali di questi elementi, come in presenza di anemia, mestruazioni particolarmente abbondanti e surmenage psico-fisico.

Ogni compressa contiene 40 mg di ferro elementare altamente selezionato e 40 mg di vitamina C estratta dall’acerola polverizzata.

miglior integratore ferro e vitamina c

L’associazione di questi due elementi aumenta notevolmente la loro biodisponibilità, rendendoli più efficaci per l’organismo.

Con una sola compressa al giorno è possibile coprire il fabbisogno quotidiano di entrambi gli elementi, contribuendo a migliorare il benessere dell’organismo e a prevenire vari disturbi.

Come è noto, il ferro è indispensabile per la produzione di emoglobina ed eritrociti, per cui bisogna che la sua concentrazione non scenda al di sotto della soglia fisiologica.

Poiché la sua introduzione con gli alimenti non sempre è in grado di garantire un corretto apporto funzionale, è consigliabile, soprattutto in particolari condizioni, supplementare il suo quantitativo ematico con specifici integratori.

Pur essendo l’oligoelemento più abbondante del nostro corpo, il ferro è un metallo che non viene sintetizzato autonomamente, ma deriva dall’apporto esterno.

Dopo la sua introduzione, è indispensabile un’adeguata assimilazione, che viene facilitata dalla presenza della vitamina C, infatti essa potenzia l’assorbimento del ferro, poiché rende favorevole il pH metabolico.

L’integratore contribuisce a migliorare il metabolismo energetico, a potenziare l’ossigenazione dei tessuti, a ridurre affaticamento e astenia, a migliorare la sintesi di emoglobina e a stimolare la risposta immunitaria.

Si può dire che questo rimedio è un alleato della salute poiché, sfruttando principi attivi naturali e quindi dotati di un’elevata biocompatibilità, riesce a potenziare il benessere dell’organismo.

La confezione, che contiene 180 compresse, sufficienti per sei mesi di fornitura, è in vendita su Amazon.

Erafer Farmera

Erafer (clicca qui per scoprire il prezzo), un integratore multicomponente, costituito da ferro pirofosfato, acido ascorbico, lattoferrina, acido citrico, gluconato di rame, cianacobalamina, acido folico, maltodestrine e citrato trisodico.

La sua azione dipende da un’attività sinergica di vitamine, minerali e lattoferrina, che svolgono funzioni ad ampio raggio per il benessere globale dell’organismo.

integratore ferro acido folico e vitamina c

L’associazione di ferro e rame contribuisce a potenziare la produzione degli eritrociti a livello del midollo osseo e quindi a migliorare il trasporto dell’ossigeno nei vari distretti del corpo massimizzando la respirazione cellulare.

Acido e folico e lattoferrina, sintetizzati in forma orosolubile, garantiscono un rapido assorbimento a livello intestinale, che li rende subito disponibili.

Come è noto, l’acido folico partecipa alla sintesi dell’emoglobina supportando le funzioni metaboliche in caso di maggiore richiesta di ossigeno.

Anche la vitamina B12 contribuisce alla produzione di eritrociti e insieme alla vitamina C riduce il senso di affaticamento e la stanchezza dovuta a periodi di surmenage psico-fisico.

Il ferro pirofosfato associato alle maltodestrine, all’acido ascorbico e ad alcuni esteri di acidi grassi, risulta molto più disponibile biologicamente di altre formulazioni chimiche.

L’integratore è realizzato in forma granulare, contenuta in pratiche bustine che si possono sciogliere direttamente in bocca oppure in un liquido a piacimento.

Chi sceglie la modalità orosolubile, può sfruttare immediatamente le potenzialità di questo prodotto, che si è rivelato particolarmente efficace in caso di anemia sideropenica, spesso accompagnata dalla sindrome di stanchezza congenita.

Il punto di forza di questo rimedio è la rapidità d’azione, che consente all’organismo di migliorare velocemente le proprie condizioni soprattutto introducendo direttamente la polvere sotto la lingua.

Come terapia d’attacco è consigliabile assumere due bustine al giorno, una a metà mattina e una a metà pomeriggio, preferibilmente lontano dai pasti, ripetendo questa posologia per almeno due settimane.

La terapia di mantenimento prevede l’impiego di una sola bustina al giorno, per 4-6 settimane, ripetendo il ciclo periodicamente soprattutto nei cambi di stagione.

Il prodotto contiene lecitina di soia e derivati del latte, per cui può provocare reazioni allergiche in soggetti predisposti.

Essendo un preparato termolabile, è necessario conservarlo a una temperatura compresa tra 5 e 25 gradi, avendo cura di evitare umidità e fonti di calore per non denaturare i suoi principi attivi.

La confezione, che contiene 30 bustine, è in vendita su Amazon con uno sconto speciale del 3%.

Integratore Ferro, acido folico e vitamina C: Ferrosid C

Ferrosid C (clicca qui per scoprire il prezzo), è formulato con ferro, rame, vitamina C e acido folico, in concentrazioni bilanciate, titolate e standardizzate.

Il suo impiego è raccomandato in caso di aumentato fabbisogno di questi elementi, derivante da un insufficiente apporto dietetico.

Si tratta di un prodotto altamente assimilabile e molto ben tollerato poiché il ferro si trova sotto forma di pirofosfato, che costituisce il substrato più facilmente metabolizzato dall’organismo.

integratore a base di ferro e vitamina c

Il prodotto contiene anche acido folico (400 microgrammi), che viene considerato un componente indispensabile per la sintesi di emoglobina, soprattutto in presenza di anemia sideropenica tipica dell’anziano.

La vitamina C presente con dosaggio di 120 mg, come è noto migliora l’assorbimento del ferro e contemporaneamente stimola le difese immunitarie, rallenta l’invecchiamento cellulare e svolge un’efficace attività antiossidante.

Il rame, presente con una concentrazione di 1,5 mg, migliora il trasporto del ferro ed entra a far parte di alcuni coenzimi coinvolti nella produzione di energia.

Questo integratore è indicato soprattutto in presenza di anemia, durante la gravidanza, nel periodo adolescenziale e per tutti i pazienti che trovano difficoltà nella digestione del ferro.

Infatti, la formulazione di pirofosfato, denominato Sunactive®Fe consente un rapido assorbimento enterico che non altera i processi digestivi.

È sufficiente assumere una sola compressa al giorno per coprire il fabbisogno quotidiano di tutti gli elementi che costituiscono l’integratore.

Il punto di forza di questo prodotto deriva dalla sinergia tra minerali (ferro e rame) e vitamine (acido folico e acido ascorbico), che consente all’organismo di migliorare la disponibilità di emoglobina e quindi l’ossigenazione dei tessuti.

Ferplus

I componenti di Ferplus (clicca qui per scoprire il prezzo), sono fosfato dicalcico, acido ascorbico, disglicinato ferroso, fumarato ferroso, pidolato ferroso, vitamina B12, beta-carotene, acido folico, trigliceridi a media catena.

Il punto di forza di questo prodotto è rappresentato dal suo meccanismo d’azione a triplo rilascio, che consente di coprire il fabbisogno quotidiano per 24 ore, assicurando una concentrazione costante nel sangue.

ferro e vitamina c integratori

Si tratta di un rimedio ad alto dosaggio di ferro, che consente di eliminare stanchezza, affaticamento e astenia in tempi molto rapidi, grazie alla formulazione a rilascio graduale delle compresse gastroresistenti.

Questo integratore a base di ferro e vitamina C è stato formulato appositamente per evitare disturbi gastrici solitamente presenti negli integratori a base di ferro, tra l’altro le compresse sono del tutto inodori e non presentano il caratteristico e spesso sgradito sapore di ferro.

Grazie all‘innovativa tecnologia a rilascio controllato che prevede tre stadi di assorbimento relativi alle tre forme di ferro (picolato, disglicinato e fumarato), viene garantita la copertura dell’intera giornata migliorando le potenzialità del prodotto che si adatta perfettamente alle differenti esigenze metaboliche.

Oltre ad aumentare la sintesi di emoglobina e l’ossigenazione dei tessuti, questo prodotto si comporta da efficace rimedio immunostimolante, potenziando le difese immunitarie nei confronti di numerose patologie.

In tutte le situazioni in cui l’organismo richiede una maggiore disponibilità di forza muscolare, Ferplus si conferma un supporto ideale per migliorare la reattività del corpo.

È sufficiente una sola compressa al giorno da assumere preferibilmente a stomaco vuoto, continuando il ciclo per almeno due mesi.

La confezione, che contiene 30 capsule, garantisce una fornitura mensile ed è in vendita presso Amazon.

Cosa sono gli integratori con ferro e vitamina C: opinioni

Gli integratori di ferro e vitamina C sono preparati formulati con più componenti, come vitamine e minerali; la loro funzione è quella di aumentare la produzione di emoglobina e quindi la sintesi degli eritrociti.

Come conseguenza, i tessuti vengono ossigenati in maniera più completa e la funzionalità di organi e apparati risulta ottimizzata.

Tutti gli integratori di questo tipo contengono ferro e vitamina C in associazione, poiché quest’ultima contribuisce a potenziare l’assorbimento del minerale, stimolando contemporaneamente le funzioni del sistema immunitario.

Si tratta quindi di prodotti multicomponente, il cui ruolo è di migliorare il benessere dell’organismo, prevenendo l’insorgenza di forme anemiche sideropeniche.

A cosa servono gli integratori con ferro e vitamina C: effetti e benefici

Gli integratori contenenti ferro e vitamina C servono per due finalità, da un lato risolvere condizioni di anemia derivante dalla carenza di ferro, e d’altra parte prevenire la sua insorgenza.

La presenza di acido ascorbico si rivela particolarmente vantaggiosa poiché oltre a facilitare la digestione e l’assorbimento del ferro, stimola anche il sistema immunitario aumentando le difese dell’organismo nei confronti di germi patogeni.

Trattandosi di integratori naturali, sintetizzati con complessi vitaminici, minerali ed estratti vegetali, questi prodotti garantiscono vantaggiosi risultati sia per l’elevato dosaggio dei loro componenti, che per la mancanza di effetti collaterali.

Accanto a una notevolissima biodisponibilità, essi garantiscono la completa assenza di intolleranze metaboliche.

Quando prendere gli integratori con ferro e vitamina C: dosaggio e approccio corretto

Quasi tutti gli integratori a base di ferro e vitamina C sono realizzati ad alto dosaggio, per ottimizzare le loro prestazioni.

La posologia di composti simili è ovviamente molto bassa, e prevede l’assunzione di una o due compresse al giorno.

È molto importante rispettare le dosi prescritte poiché questi integratori contengono molti elementi attivi che pur essendo biocompatibili potrebbero contribuire ad affaticare l’apparato renale o il fegato.

Proprio per questo motivo, un corretto approccio con rimedi del genere è quello di attenersi alle indicazioni del produttore e di non eccedere nelle dosi.

Gli integratori con ferro e vitamina C fanno male? Possibili effetti collaterali e controindicazioni

Gli integratori a base di ferro e vitamina C non fanno male, poiché la loro formulazione prevede soltanto principi attivi naturali e biocompatibili.

Nella maggior parte dei casi quindi non sussistono controindicazioni di nessun tipo, tranne nella situazione in cui siano presenti forme allergiche conclamate.

Gli unici effetti collaterali che possono manifestarsi dipendono da un eventuale iperdosaggio.

Anche se non si può parlare di vere e proprie controindicazioni, è comunque necessario avere determinate precauzioni d’impiego, soprattutto per le persone anziane, le gestanti e le donne che stanno allattando.

Lascia un commento

Lo Scrigno Del Benessere
Lo Scrigno Del Benessere

Il blog ideale per la tua salute e il benessere di tutti i giorni

5/5 - (1 vote)